«

»

GLI SCHERMI DELLA PRIMAVERA ARABA – il video è on line!

CMCA offre qui in video on demand, i tre i dibattiti che hanno animato il convegno “schermi di primavera araba”. Il Paesaggio Audiovisivo Mediterraneo di fronte alle notizie ed agli eventi della primavera araba del 2011. Estratti da documentari, analisi e dibattiti alla presenza di testimoni, esperti e parti interessate nel settore mediterraneo degli audiovisivi.


Conferenza organizzata da Jean Paul GEROUARD (France 3) e presentata da Sylvie DEPIERRE. 9 dicembre 2011 – Hall de la Chambre d’Industrie et Commerce – Palais de la Bourse 9 la Canebière 13001 Marsiglia

Il paesaggio audiovisivo mediterraneo di fronte agli eventi ed alle novità della primavera araba nel 2011. Estratti da documentari, analisi e dibattiti con la presenza di testimoni, esperti e professionisti del settore degli audiovisivi mediterraneo.

Dibattito 1: “La primavera araba” in onda sui canali europei e del Nord Africa

Il trattamento della rivolta araba copre aree geografiche molto diverse. Come i giornalisti ed i registi del Nord del Mediterraneo hanno coperto le rivoluzioni? Il Nord è ancora prigioniero della storia del Sud?

Interventi : Magali Forestier (France 3), Alberto Romagnoli (RAI- Italia), Soumaya Derhourhi (2M – Morocco), Gilles Jacquier (France 2)…

Dibattito 2: i media sociali internazionali e la nascita di un’opinione araba?

La rivolta araba ha avuto un impatto immediato sulla televisione nei paesi interessati. In Nord Africa e del Medio Oriente, i colleghi algerini o marocchini hanno coperto gli eventi con il loro quadro di riferimento …Durante la tavola rotonda si riuniranno le loro storie, le loro speranze, e si riferirà in merito allo sconvolgimento dei media arabi.

Interventi : Joakim Afoutni (Agence Afrik TV), Lotfi Hajji (Al Jazira – Qatar), Ali Oudjana (France 24), Slimane Zeghidour (TV5 – France)…

Dibattito 3: La Primavera Araba nelle televisioni dei paesi sconvolti dalle rivoluzioni

L’emersione di canali internazionali come Al Jazeira, Al Arabiya aveva già cambiato il paesaggio dei media del Medio Oriente e Nord Africa. Durante le rivoluzioni gli egiziani e tunisini sono stati massicciamente connessi a Internet cosi come al più popolare canale News International (arabo, francese). Qual è il ruolo di questi trans-media nazionali? Hanno dato diverse letture degli eventi? Hanno contribuito l’emersione di nuove esigenze democratiche?

Una “opinione araba” sta nascendo dei nuovi media senza frontiere?

Interventi: Mokhtar Rassaa (Pdg Télévision tunisienne), Nabil Choubachy (Nile TV – Egypt), Kmar Bendana (Université de La Manouba – Tunisie), Yves Bruneau (CFI),…

 


Image © FF Revelli